Laboratorio di “Musicoterapia”

La musica è uno strumento utilizzato per creare armonia all’interno del gruppo ospiti, riequilibra ed allinea l’ambiente abbassando il livello di tensione collettiva.

Gli utenti, in base alle loro esperienze di vita (sia che esse si siano vissute a livello famigliare sia istituzionale) sono sempre stati accompagnati nella loro esperienza esistenziale da canzoni e musiche che ne rievocano i loro “passati” e i loro desideri futuri.

OBIETTIVO

Aumentare l’autostima degli ospiti e creare relazioni sane tra di essi attraverso la musica.

Incrementare il background culturale, conoscendo nuovi stili musicali e adattandosi alle tendenze musicali del momento.

Favorire la comunicazione tra i membri del gruppo scelto degli ospiti.

Strutturazione giornata
  1. Presentazione e introduzione dell’argomento di giornata (si parte da parole che possono aprire spazi di dialogo tra gli ospiti…esempi di parole: Silenzio, Ascolto, cogliere le emozioni, etc.)
  2. Viene preparata in anticipo una canzone dall’ educatore (che mostra il filmato e la fa ascoltare ai presenti) che rappresenta quest’argomento
  3. Si aprono spazi di dialogo sia sulla canzone e sia sull’argomento facendo un giro orario dove gli ospiti raccontano ciò che conoscono
  4. Gioco finale legato al programma televisivo di “Sarabanda”
  5. Ascolto libero delle canzoni preferite

FINALITÀ DEL PROGETTO

  • Aumentare la relazione interna tra gli ospiti creando un clima di armonia all’interno del piccolo gruppo;
  • Far conoscere agli ospiti le tendenze del momento, richiamando a loro i ricordi più cari del passato;
  • Riconoscere i vari strumenti e imparare nuove canzoni e nuovi balli.

ORGANIZZAZIONE ED ATTIVITÀ

Programma

  • 9.30 introduzione alla parola chiave o argomento principale
  • 10.00 giro di dialogo degli ospiti che raccontano ciò che sanno sull’argomento
  • 10.30-11.00 visualizzazione di un video relativa ad una canzone scelta che rappresenti l’argomento di giornata
  • 11.15 gioco di “Sarabanda” e conclusione

Al fine di permettere che tutti i ragazzi/e della struttura possano partecipare, gli operatori formano due gruppi in modo da alternarsi nelle settimane per dare la possibilità a tutti di avere la stessa esperienza.

Referente: E.P. Simone Sasia